hai deciso di andare

lamiamarghe

“C’era anche lei in Inghilterra con noi, due estati prima, e c’eravamo divertiti tantissimo. La conoscevo da sempre perché era stata in classe con mio fratello. Ed è qui che ride, nella foto, bella come il sole, con gli occhi verde smeraldo, la pelle abbronzata, il sorriso dalla dentatura perfetta, i capelli chiari, lunghi, mossi, che le cadono sulle spalle nude, fasciata in un vestito marrone molto elegante con una cintura alta in vita.

Chiudo gli occhi e me la rivedo, l’estate prima, mentre andiamo in gita, seduta in fondo al pullman, che canta a squarciagola, felice: Solo una sana e inconsapevole libidine salva il giovane… di Zucchero, insieme ad Antonio, Chiara, Paolo, Micaela e gli altri nostri amici del college. Lei, bellissima e sorridente era super preppy, con la camicia di Naj Oleari con rose chiare e scure e dalle maniche a sbuffo, i Ray-Ban marroni sugli occhi, le Vans ai piedi e lo zainetto della Mandarina Duck in spalla, tempestato dalle nostre firme, fatte con gli Uniposca di tutti i colori. La vedo che ride, ride, ride, bellissima… sembrava sempre così felice.

(…)

Sai che non ho ancora cancellato il tuo numero dalla mia rubrica del telefonino? Se lo facessi, forse, dentro di me, ufficializzerei che è successo davvero. Così, invece, ho sempre l’illusione, anche solo per un istante, che tu sia ancora qui con noi e che possa succedermi, prima o poi, di incontrarti, per caso, lungo Corso Zanardelli, così com’era accaduto qualche volta, e di salutarci, come se ci fossimo viste il giorno prima, con baci, abbracci e immancabili risate, proprio come in Inghilterra, come quando eravamo giovani e spensierate.

(…)

ma devo pensare che, tu oggi, lassù, stai sorridendo, bella come il sole, perché ora, sì che sei davvero felice.”

dal Capitolo 2

Categorie:Senza categoria